Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

LaPelleBeauty.it | August 17, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

L’onicotecnica e l’igiene

L’onicotecnica e l’igiene

Sono sempre di più le donne che abitualmente si rivolgono a figure professionali e centri specifici per la cura delle proprie unghie.
Come per ogni attività commerciale aperta al pubblico, a giocare un ruolo fondamentale per la riuscita o meno della propria proposta, è sicuramente l’immagine che il luogo di lavoro dà.
Se infatti l’ambiente è oberato di attrezzature sino a risultare soffocante, o peggio ancora risulta visivamente sporco o pervaso dal cattivo odore dei prodotti utilizzati, sicuramente ciò non giocherà a favore dell’onicotecnica e ne inficerà in maniera importante la percezione che questa darà alla sua cliente.
001101
Parliamo oggi dell’ambiente di lavoro.
La regola fondamentale è che il salone sia dotato di misure atte a prevenire la trasmissioni di germi per via aerea. è quindi necessario garantire un sufficiente ricambio dell’aria (ventilazione naturale o artificiale).
In caso di ventilazione naturale occorre ogni ora spalancare completamente le finestre mentre se optate per ventilatori d’estrazione o un impianto di ventilazione, questo deve essere dimensionato in base alle specifiche strutturali dell’ambiente, sostituendo regolarmente i filtri degli impianti di ventilazione o degli apparecchi per la depurazione dell’aria.
manicure-1
La regola della ventilazione è preziosa soprattutto nelle postazioni fisse per la cura delle unghie in cui è necessario prevedere aspirazioni efficienti con filtri di aspirazione intercambiabili.
In più, durante i lunghi lavori di limatura delle unghie, vi consiglio di indossare delle mascherine di protezione respiratoria adeguate (per esempio mascherine antipolvere di tipo FFP2).

A cura di Elisabetta Ratti

Inviaci il tuo Commento